Cari amici,

l’incontro di ieri fra Salvini e Di Maio mostra che la Lega e i 5 Stelle hanno ambedue paura di perdere il governo. Per questo vanno avanti  anche a costo di perdere la faccia. Di Maio ha una buona ragione per farlo: la paura dei elezioni che spazzerebbero via i 5 Stelle. Ma Salvini?

Che ragione può accampare per continuare una collaborazione che ha aggravato le condizioni del Paese?Ma i due sono davvero disposti a fare le barricate contro l’Europa?

Oppure faranno marcia indietro, come hanno fatto nel dicembre scorso? Io penso che questa seconda sia la cosa più probabile, anche perché Conte e Tria oggi diventano alleati contro i due vicepresidenti e hanno solo da guadagnare a far constatare che la loro “ragionevolezza” è l’unica strada possibile per l’Italia.

Il punto fondamentale è che la continuazione di questa alleanza e di questo Governo costerà molto cara all’Italia. Sfortunatamente i due partiti di opposizione, Forza Italia e il PD, sono afoni.

Bisogna cominciare a fare sentire una voce politica contro questa situazione. La voce deve parlare nell’interesse dell’Italia. 

Deve rivolgersi in primo luogo alle categorie produttive, alle imprese in primo luogo, che sono destinate a pagare il prezzo più alto per la permanenza di questa alleanza e di questo governo.

Giorgio La Malfa

Dunque: il famoso confronto fra la Lega e i 5 Stelle per decidere se andare avanti con il Governo c’è stato. E i due leader avrebbero deciso che, per quanto riguarda la politica economica, tutto deve procedere come prima, senza bisogno di correggere nulla. <Implicitamente hanno risposto alla comunicazione di ieri della Commissione Europea a proposito dell’andamento della finanza pubblica italiana, prima del Presidente del Consiglio e del Ministro dell’economia cui istituzionalmente spetta la risposta […].

Continua a leggere l’articolo in PDF

 

Comments are closed.



Archivio

Diritti riservati

© 2018 Giorgio La Malfa - info@giorgiolamalfa.it

- C.F. LMLGRG39R13F205 -

Developed by Cleverage