Cari amici,

sono sempre stato convinto che la creazione della moneta unica sia stato un errore perché mancavano – e ancora più mancano oggi – le condizioni indispensabili per il passaggio dalle monete nazionali a una moneta comune. Da ultimo ne ha scritto qualche giorno fa Amartya Sen che pure sul piano politico ha sempre avuto simpatia per l’idea di una unificazione europea. Naturalmente questo non vuol dire che sia facile per l’Europa correggere l’errore e  che un paese singolo possa sottrarsi senza costi eccessivi a questa scelta. E tuttavia l’errore pesa e peserà sul futuro dell’Europa.
Il fatto di essere europeisti contro le ventate di nazionalismo che spirano nei nostri paesi non significa non vedere questi problemi e non cercare delle alleanze in Europa per affrontarli. Deve fare riflettere come si sia consumata nel giro di pochi mesi la posizione politica filoeuropea di Macron.
vi allego un articolo che ho scritto stamane sul Mattino su questi temi.
Molto cordialmente
Giorgio La Malfa

 

Venti anni fa, di questi giorni, aveva inizio l’avventura della moneta unica europea. Mentre nel 2009 il decennale venne accompagnato da grandi discorsi retorici a Bruxelles e a Francoforte sul successo dell’euro e le magnifiche sorti che questo assicurava all’Europa, quest’anno le autorità hanno mantenuto un atteggiamento prudente.

Alla ricorrenza ha accennato il Presidente della Bce, Mario Draghi, in un discorso all’Università di Pisa il 15 dicembre scorso; uno dei membri del Consiglio della Banca ha dato un’intervista alla radio tedesca e poco più.
Pesa evidentemente il ricordo delle traversie dell’euro poco dopo le celebrazioni del decennale, quando intervenne la crisi greca e il fatto che Draghi in quell’occasione dovette dichiarare che la Banca Centrale Europea avrebbe fatto tutto il necessario per salvare l’euro, una dichiarazione che, se calmò i mercati, costituiva allo stesso tempo l’ammissione dalla sede più autorevole della precarietà dell’euro: né l’Inghilterra, né gli Stati Uniti, né la Cina avrebbero bisogno di dichiarare che sarebbe stato fatto il necessario per salvare le loro monete. Ma ancor più di questo ricordo, pesa il fatto che l’euro continua a non piacere a una parte significativa dei paesi che pure l’hanno adottato [...]


 

One Response to Giorgio La Malfa su Il Mattino del 9 gennaio 2019 ”Perché l’euro non festeggia i venti anni”

  1. Ugo Lenzi scrive:

    Caro Giorgio, hai perfettamente ragione e Ti andrebbe dato atto che non è da oggi che lo dici.
    Mi permetto di suggerirti la associazione Moneta Positiva che hanno sintetizzato una proposta che permetterebbe di conservare l’euro creando un mezzo di pagamento fiscale che farebbe le funzioni dell’esercizio della sovranità monetari senza violare i trattati.
    Se non conosci l’argomento, penso che dovresti approfondirlo perché chi se ne rendesse interprete politicamente potrebbe trovare ampio spazio politico.
    Un caro saluto, Ugo



Archivio

Diritti riservati

© 2018 Giorgio La Malfa - info@giorgiolamalfa.it

- C.F. LMLGRG39R13F205 -

Developed by Cleverage